ugg rylan Gavardo Salò

ugg roma Gavardo Salò

Quando lavoravo in negozio con lui, ricordo che andava in giro con la 127 rossa e l per annunciare la famosa Nella sala dei Provveditori del Palazzo comunale di Salò, dove è avvenuta la premiazione, la mia bella nipote Mariangela ha letto la storia della mia famiglia (qualche parolina ce l messa pure io

I bisnonni

Sfogliando l dei ricordi della mia famiglia, alla prima pagina c una data: il 1901. A Salò c stato il terremoto e il mio bisnonno, Comini Angelo, classe 1882, dalla zona della Volta di Brescia arriva a Salò per lavorare alla ricostruzione.

Infatti lavora come cementista e sposa Margherita Raggi (classe 1884), proveniente da una numerosa famiglia di ortolani nei pressi di Campoverde. Il bisnonno realizzava lavandini, vasche e gradini di cemento. Era un vero artista, e molte ville patrizie che si affacciano sul lago conservano i vasi finemente lavorati dal mio bisnonno. Peccato che a tale abilità creativa non corrispondesse lo stesso talento nel farsi pagare, tant che la famiglia si trovava quasi sempre in difficoltà finanziarie e dovette ricorrere a prestiti da parte dei fratelli della bisnonna.

I miei bisnonni ebbero 5 figli: mio nonno Luigi (del 1913), poi Vittorio (commendatore e figura poliedrica di Salò), Francesco (morto per tifo a soli 9 anni), Tranquillo (divenuto poi sacerdote presso i Giuseppini di Asti e per più di vent missionario in Perù), Giulia e Fausto. La mia bisnonna Margherita leggeva molto: sapeva a memoria brani dei Promessi Sposi, ma la sua lettura preferita erano i necrologi del Giornale di Brescia.

I nonni

La famiglia era di modeste condizioni, come quasi tutte a quel tempo. Avevano fatto ben 11 traslochi, e siccome in casa n mai gì che chnta dù dovevano andare dal salumiere e farsi segnare la spesa sul Spesso mandavano Fausto, il più piccolino, ed il salumiere gli diceva prossima volta manda la mamma che devo parlarle. E allora il nonno Luigi, che aveva 9 anni e frequentava la 4^ elementare, un giorno è uscito dalla scuola di Via Brunati a Salò ed ha incontrato uno zio che l portato a lavorare nell E non era un lavoro semplice, e doveva dormire là lontano da casa, ed è stato strappato ai giochi dei bambini per aiutare la famiglia.

Proseguirà gli studi in gioventù, quando studierà disegno alla Scuola libera di istruzione Romualdo Turrini promossa e finanziata dalla Società di Mutuo Soccorso. Acquisirà anche nozioni di tedesco e francese dalla mamma del senatore Fabiano De Zan, che allora insegnava presso la Giovane Salò. La conoscenza delle lingue straniere si rivelerà preziosa durante la prigionia. Nel 1935 viene arruolato nel genio militare e destinato in Abissinia, dove per un caso fortuito riesce ad evitare di essere ucciso. Terminato il servizio militare, visto che a casa la precaria situazione economica perdurava, rimane a lavorare in Africa presso il genio civile.

Il bisnonno Angelo, forse toccato dalla tragedia del Titanic, si era convinto dell di realizzare un in cemento, altrettanto inaffondabile. Con l dell Serri, che al tempo insegnava presso l tecnico di Salò, si impegnò per molti mesi nell Inevitabilmente trascurava il proprio lavoro, fondamentale per il sostentamento della famiglia. Riesce infine a dare forma al proprio sogno. Ma il risultato, visto il materiale in cui viene realizzata la barca cemento appunto si rivela un fallimento perché troppo pesante e probabilmente per calcoli errati. Il nonno Luigi è così costretto a rimanere in Abissinia per tre anni e due mesi, facendo enormi sacrifici, dormendo sotto una tenda e inviando regolarmente il proprio stipendio a casa.

Quando il nonno Luigi è tornato a casa si è innamorato della nonna Caterina Bergomi. Raccontano che da ragazza fosse molto bella, come un del cinema. Era stata scelta per fare i giochi ginnici dinanzi al Duce, a Roma. Poiché anche la sua famiglia non navigava in buone acque, lavorava come addetta all presso il famoso dottor Antonio Duse. Raccontava che a volte riceveva le telefonate di D paziente del dottore. La nonna Caterina detta Catina era figlia della Checa (Francesca) che, rimasta prematuramente vedova del mio bisnonno Secondo (da qui il nome di mio papà), per mantenere la famiglia si recava al lago con la sua carriola e la per lavare i panni dei benestanti salodiani. Abitava in Fossa, dove un tempo c il Teatro Vecchio. curioso ricordare un buffo aneddoto su di lei. Quando si recava al lago in San Bernardino, vicino alla Canottieri, partendo da casa portava con sé le quattro galline che teneva gelosamente sull (il solaio). Un giorno, tornando a casa, si accorse di averle dimenticate al lago. Agitatissima, ritornò correndo alla spiaggia per recuperarle e con grandissima meraviglia le trovò che tornavano sol solette a casa.

Quando Luigi e Catina si sono sposati, sono andati in viaggio di nozze a Venezia, ma vedevano già partire i treni pieni di soldati, e la guerra stava arrivando

Nel 1939 il nonno viene richiamato per la campagna di Francia, poi spedito in Albania e infine in Grancia. Ma nel 1943, dopo il fatidico 8 settembre, viene fatto prigioniero dalle truppe tedesche. Sarebbe destinato a lavorare in miniera in un campo di lavoro in Polonia,
ugg rylan Gavardo Salò
ma fortunatamente grazie alle conoscenze della lingua tedesca acquisite alla Giovane Salò gli viene conferito il ruolo di interprete tra i prigionieri ed i soldati tedeschi. Poi si è fatto spedire un vocabolario tedesco italiano da casa. I libri a volte salvano la vita.

E quando sono arrivati i russi ed hanno liberato il campo, il nonno Luigi si è fatto tutta la strada dalla Polonia all a piedi, attraverso un viaggio avventuroso e pieno di insidie, passando per l Raccontava che un giorno aveva visto fuori da una canonica austriaca un bel paio di scarpe e le ha prese (qualcuno dice sorridendo che lì sono iniziate le Calzature Comini). Ma erano passati molti giorni, e non era ancora arrivato a casa. E allora tutti i giorni la bisnonna Francesca lo aspettava alla fermata del tram. Un po alla volta tutti tornavano, ma mio nonno no. Ma Francesca aspettava sempre, e nessuno aveva il coraggio di dirle niente. Perché tanti non erano più tornati, perché la guerra è una cosa brutta e cattiva. E la guerra ormai era finita, ma la mia bisnonna Francesca aspettava sempre alla fermata del tram. Finché un giorno è sceso dal tram uno così magro, ma così magro, ma l riconosciuto subito che era il suo Luigi, e allora Francesca ha attraversato la Fossa camminando verso casa, e non aveva parole, e il cuore le tremava dall e mio nonno dietro, e camminavano senza dirsi niente. E ancora adesso mi emoziono ad immaginare la felicità della nonna Catina quando ha visto entrare in casa il suo Luigi. Era un bel giorno di settembre del

Nel 2012, su interessamento della famiglia, al nonno Luigi verrà concessa la medaglia d dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Dal matrimonio tra il nonno Luigi e la nonna Catina sono nati mio zio Franco (nel mio papà Dino (nel e mia zia Rita (nel Dopo la fine della guerra arriverà poi Mariangela (di cui porto il nome) che morirà di difterite nell del a soli 4 anni e mezzo. La nonna Catina raccontava che ogni giorno c un funeralino, passava una bara bianca e la gente si levava il cappello. Quando la loro Mariangela si è ammalata, hanno chiamato il dottore, ma era alle prime armi e ha sbagliato la diagnosi. E quando Mariangela è morta all di Salò, il nonno l portata a casa in braccio, e sembrava che passasse un angelo. La nonna Catina sembrava impazzire dal dolore. Stava tutto il giorno nella camera, dove aveva dormito la sua bambina, non mangiava mai, piangeva e basta. A Mariangela hanno tagliato le trecce bionde, e la mia nonna le teneva in mano come un rosario. Al prete che cercava di consolarla, mia nonna diceva el Signur el fa mrer i pitì? Perché el m mia tt sé mé? Mia nonna ha sempre detto che è stata salvata dalla fede. Poi nel è nato mio zio Giovanni (detto John) a cui diceva: set nasit che tcc i piansìa Successivamente nel è nata la zia Valentina. Il 1 maggio del 1946 il nonno Luigi apre un negozio di scarpe in via Quarena a Gavardo, in società con Michele Contarelli. Nel 1951 scioglie la società e inizia a lavorare con il fratello Fausto, che aprirà un negozio di scarpe a Desenzano dove andrà a lavorare anche mio papà. Fausto sarà anche Presidente dell commercianti e della Casa di Riposo di Desenzano.

Nel 1958 il negozio di Gavardo si trasferisce in Piazza Marconi, dove era stato costruito il cosiddetto accanto al fiume. Qualche anno più tardi, Luigi decide di dividersi dal fratello per proseguire coadiuvato dai figli Franco e Dino. il 15 giugno 1965 quando il negozio Comini di Salò viene aperto nell locale di via San Carlo. Nel novembre 1963 Luigi cessa la propria attività affidando il negozio di Gavardo al figlio Franco e quello di Salò a mio papà.

Da ricordare che mio nonno Luigi viene eletto a Salò nel primo consiglio comunale del dopoguerra, come sindaco c il dottor Sbarbari. Per qualche mese, nonostante la fatidica 3^ elementare ma grazie alle sue capacità, ricopre anche la carica di assessore alla pubblica istruzione. Da una ricerca fatta sfogliando il libro del dottor Bellucci, emerge che i componenti della famiglia Comini sono stati i più numerosi ad essere eletti nei consigli comunali del dopoguerra. Il primo è stato mio nonno Luigi, poi suo fratello, lo zio Vittorio, a seguire i miei cugini Emilio, Paolo e Gualtiero, infine mio fratello Alberto.

Tanti ricordano il nonno Luigi, in età avanzata, arrivare sulla corriera da Gavardo a Salò con un pacco di scarpe legato con lo spago, per poi ritornare, sempre con il suo pacco di scarpe. La SIA gli aveva regalato l di un anno per i suoi 40 anni di viaggi in corriera. Ringrazio il Signore per avermi donato mio nonno Luigi. Un nonno che ha vissuto sempre per la famiglia e che come la nonna Catina ha trasmesso una fede piena d Un nonno che ha allargato la famiglia ai bisnonni Angelo, Margherita ed alla zia Giulia, e la casa a Gavardo era sempre aperta a chiunque avesse bisogno di affetto. I miei nonni sono stati per me l dell vero. Adesso sono da qualche parte del cielo, e da lassù ci stanno sorridendo.

Il papà

Mio papà Dino è sposato dal 1968 con mia mamma Camilla Smalsi, proveniente da Rezzato e seconda di cinque sorelle. Dopo il primogenito Marco, arrivano nell Alberto ( la sottoscritta Mariangela ( e infine Paolo ( Marco dal 1999 gestisce personalmente il negozio di calzature che mio papà Dino aveva aperto in via San Carlo. Alberto e Paolo lavorano in banca (BTL e UBI). Io invece sono insegnante di Lettere presso la scuola media di Roè Volciano. Papà Dino e mamma Camilla sono felici nonni di 5 nipotini: Francesco, Caterina, Nicola, Giovanni e Giacomo.

Alla fine ci sono i ringraziamenti. Da parte mia, posso solo ringraziare tutte le persone che mi hanno regalato l e ringraziare la vita, che mi ha dato tanto (anche mia moglie, ma per vivere con lei il premio lo merito io!)
ugg rylan Gavardo Salò

ugg rylan dall’Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto

ugg boots dall’Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto

La missionaria del Pime gestisce il Damien Hospital di Khulna. Dal 2012 i casi di contagio del morbo di Hansen sono raddoppiati. Nel 2017, trattati 35 nuovi casi di lebbra e 400 di tubercolosi. La destinazione missionaria del Bangladesh dono dello Spirito Santo (AsiaNews) Una vita missionaria spesa al servizio dei lebbrosi del Bangladesh. la storia di sr. Roberta Pignone, medico italiano e missionaria dell congregazione femminile associata al Pime (Pontificio istituto missioni estere). In vista della Giornata mondiale del malato che si celebrer domenica 11 febbraio, ad AsiaNews racconta la sua esperienza di direttrice del Damien Hospital a Khulna, nel sud del Paese. Il centro stato aperto nel 1986 dalle consorelle con l di curare e prevenire casi di lebbra, dal 2001 quelli di tubercolosi e dal 2012 quelli di Aids. Da piccola, racconta, avrei mai immaginato di diventare suora. Sentivo di voler fare qualcosa per gli altri, e per questo ho scelto di studiare Medicina. Ma diventare suora proprio non ci pensavo. Tanto meno di vivere in Bangladesh. Eppure questo diventato il Paese che Dio ha scelto per me per compiere la sua missione sua esperienza missionaria e di vocazione, sr. Roberta racconta: fatto un con Giovani e Missione [cammino spirituale per i giovani proposto dal Pime, ndr], e sono stata mandata proprio in Bangladesh. Qui ho conosciuto le missionarie dell e ho capito che il loro modo di dare la vita per il Signore era quello che pi combaciava con il mio desiderio di essere missionaria e medico per i poveri, per gli ultimi. In seguito per obbedienza ho accettato il Bangladesh come destinazione missionaria e il lavoro in ospedale. Prima di entrare in convento volevo diventare un medico di famiglia e operare in un dispensario nei villaggi. Invece sono qui in citt e ho accolto questa destinazione come un dono dello Spirito Santo. Io non ho scelto nulla e ho avuto la responsabilit di guidare un ospedale dopo appena un anno e mezzo di missione. Mi sembrava una cosa tanto pi grande di me. Considerando tutto quello che avvenuto in questi anni, penso che ci sia una speciale benedizione su questo ospedale,
ugg rylan dall'Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto
che ci permette di andare avanti seppur con grandi difficolt Roberta, classe 1971, nata a Monza. nata lo stesso anno in cui il Bangladesh diventato indipendente scherza Ci che pi porto nel cuore che dopo la prima esperienza giovanile in Bangladesh, ho abbandonato tutto per essere una missionaria. E il Signore ha mantenuto la promessa di farmi ritornare nel luogo in cui mi ero innamorata [di lui]. La terra in cui per me tutto iniziato, la terra in cui sono stata chiamata a dare la mia vita per questa gente. Speriamo che duri ancora a lungo 2011 vive a Khulna, terza citt per importanza del Paese. La sua area metropolitana conta circa un milione e mezzo di abitanti, occupati soprattutto nell e nell tessile. In molti sopravvivono come lavoratori occasionali e abitano in slum (baraccopoli) sovraffollati. In questo modo, spiega sr. Roberta, rischio di contagio della malattia di Hansen aumenta in maniera esponenziale 1998, riporta, mondiale della sanit (Oms) ha dichiarato che la lebbra era stata debellata. Ma cos non per il Bangladesh. In quel momento cessato l mondiale per la lebbra e nessuno si pi occupato di ricerca, cura e diagnosi della malattia. La nostra stata l struttura che ha continuato il servizio per i malati in tutto il Paese continua subiamo gli effetti negativi di quel calo di interesse. Ogni anno rinveniamo nuovi casi di contagio avvenuto in passato e disabilit gravi causate dal morbo. Il motivo che per anni non stato pi effettuato un lavoro di ricerca dei pazienti La missionaria riferisce che da quando ha assunto l dell nel novembre 2012, casi sono raddoppiati. Se prima avevamo circa 15 pazienti l da quella data ce ne sono stati 35 36 ogni anno Il dato si riferisce solo alla citt di Khulna e dintorni: numero significativo perch la letteratura medica sostiene che i contagi sono pi diffusi nelle campagne rispetto alle citt Paradossalmente la nostra esperienza ci indica il contrario cure, sostiene sr. Roberta,
ugg rylan dall'Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto
aperte a tutti in maniera indistinta cristiani, musulmani e ind senza discriminazione. Non chiediamo neanche a quale religione appartengono La direttrice riporta che lo staff interreligioso e composto da 35 dipendenti 10 persone che lavorano in ospedale e altri che girano nei centri in cui curiamo anche la Tbc pi tre suore. Il nostro lavoro si svolge principalmente sul territorio e i pazienti vengono curati in ambulatori locali in cui assumono i farmaci. Solo i casi pi gravi vengono ricoverati. Per esempio, il peso medio di un affetto da tubercolosi di 30 kg, perci ricoveriamo i malati per consentire loro di riposare e mangiare bene. Ma il ricovero per gli affetti da tubercolosi non facile: se un padre manca da casa, non pu andare a lavorare e portare il cibo in famiglia. Per questo spesso offriamo assistenza a domicilio, portando anche del cibo o coperte per l Al contrario, nei casi di lebbra, il ricovero necessario per le medicazioni quotidiane delle ulcere e per le reazioni del sistema immunitario ai farmaci In tutto nel 2017 assistito 35 nuovi casi di lebbra, oltre a tutti i malati cronici che vengono trattati a domicilio, pi circa 400 malati di Tbc quanto riguarda multidrug therapy, cio la terapia combinata di antibiotici il cui dosaggio fissato dall le medicine sono fornite dal governo. Noi invece offriamo a titolo gratuito tutti i farmaci di sostegno come vitamine, antidolorifici per gli effetti collaterali, cure per le ulcere I fondi di questa complessa macchina di assistenza da benefattori italiani i servizi offerti ai malati di lebbra, aggiunge,
ugg rylan dall'Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto
marted gioved e venerd pomeriggio c la fisioterapia, sia a domicilio che in ospedale. Essa serve a ridurre la disabilit Ma soprattutto, dal momento che la lebbra legata ad una perdita di sensibilit alla periferia [cio gli arti, ndr], produciamo anche delle scarpe con suole soffici che evitano la formazione delle ulcere a livello plantare suora riporta che l cerca sensibilizzare la popolazione sull delle cure. Per questo coinvolgiamo presidi delle scuole, studenti e medici locali. La nostra esperienza ci insegna per che l dei nuovi casi avviene attraverso gli ex malati, che hanno gi provato sulla propria pelle gli effetti della malattia e consigliano ad altri di sottoporsi alle terapie. Consegniamo loro una grande responsabilit sono stati curati e li spingiamo ad aiutarci a curare gli altri il Signore che mi vuole qui afferma in conclusione la suora e mi d la forza di portare avanti questo compito che molto pi grande di me e delle mie capacit Sono in Bangladesh, agli estremi confini della terra, al confine con la foresta del Bengala, a curare gli ultimi della terra, perch dei malati di lebbra non si cura nessuno. Questa consapevolezza mi rafforza ogni giorno Di fronte allo stupore popolazione bengalese, per cui difficile comprendere come mai una donna non sposata abbia abbandonato la propria terra, gratificante sapere che qualche malato considera questo ospedale come una seconda casa. Nel nostro essere qui non c alcun tentativo di conversione. Roberta Pignone dirige il Damien Hospital, che accoglie anche malati di tubercolosi. La festa con lo staff e i pazienti. Le scene del Vangelo rappresentate da musulmani e ind Un momento di riconciliazione dedicato al personale cristiano,
ugg rylan dall'Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto
cui mi sono sentita ancora di pi madre che si prende cura delle loro anime 09:50:00 INDIA

Il Matha Maria Hospital si trova nella tribale di Bundelkhand, a circa 40 km da Sagar. Nell vivono solo due famiglie cristiane, su un totale di 1200. L specializzato nell sanitaria a donne e ragazze. L della popolazione vive al di sotto della soglia di povert GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE

Ricorre oggi, 19 ottobre, l’anniversario della beatificazione di Madre Teresa di Calcutta, la cui vita è stata “una proclamazione audace del Vangelo”, come ha scritto il Papa proclamandola beata. AsiaNews propone ai suoi lettori, in ricordo della “madre dei poveri”, l’ultima lettera da lei scritta alle consorelle Missionarie della Carità. La lettera è datata 5 settembre 1997, poche ore prima di morire. il testo scelto dalla Chiesa per la Liturgia delle Ore nel giorno della festa della beata Teresa di Calcutta (5 settembre).

Suor Bertilla Capra è una missionaria dell’Immacolata, congregazione femminile associata al Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME), e dirige il Vimala Dermatological Centre di Mumbai dal 1981. Nata nel 1976, la struttura è una delle più importanti della città per i malati di lebbra. Tra controllo del territorio, una costante attività di informazione,
ugg rylan dall'Italia al Bangladesh per servire Dio tra i lebbrosi Foto
trattamento e riabilitazione, il centro ha curato 16.407 pazienti. Grazie a finanziamenti dall’Italia e dalla Germania, che diminuiscono di anno in anno, e al “servizio delle nostre mani”.

ugg rylan Mauro Icardi rimane nella top 10

ugg classic boots Mauro Icardi rimane nella top 10

10:45 ODDO: “INTER SQUADRA FISICA CHE VIVE SULLE INDIVIDUALIT. JANKTO? NON ANCORA PRONTO PER UNA BIG” 10:30 CDS INTER, DE VRIJ E GORETZKA OBIETTIVI PER GIUGNO 10:15 TS MERCATO INTER, PASSA TUTTO DA J. MARIO: SI LAVORA A UNO SCAMBIO CON PASTORE. MATA MKHITARYAN ALTERNATIVE 10:00 GDS VERSO SASSUOLO INTER, SPALLETTI PENSA A QUALCHE CAMBIO: DENTRO JOAO CANCELO E NAGATOMO? 09:45 TS BORSINO INTER: SCENDE RAMIRES, SALE ALEX TEIXEIRA 09:30 CDS JOAO MARIO RISTABILITO: ORA PUNTA IL SASSUOLO 09:15 TS INTER, OBIETTIVO ESTERNO D’ATTACCO: DA VERDI A DEULOFEU, PASSANDO PER DI FRANCESCO: TUTTI I NOMI 09:00 CDS INTER MKHITARYAN: VIA LIBERA DELL’ARMENO. RAIOLA. 08:45 CORSERA INTER COSTRETTA AL MERCATO CREATIVO. SPALLETTI A GENNAIO AVR RINFORZI

EDITORIALE di Gabriele Borzillo

Finalmente, mi viene da dire. Finalmente siamo inciampati, con buona pace di quelli che il VAR vi aiuta, quelli che siete in alto solo per fortuna, quelli che ritiro la squadra dal campionato, c un complotto per far andare avanti l quelli che abbiamo p.
ugg rylan Mauro Icardi rimane nella top 10