Il diritto di contare

di FREDERIC PASCALI Una cosa certa, e incontrovertibile, che i numeri non hanno colore e possono favorire chiunque sappia maneggiarli con destrezza. Se poi costui anche un genio allora qualsiasi traguardo, anche il pi arduo e impensabile, diventa a portata di mano. la storia di Katherine Johnson, scienziata, matematica e fisica afroamericana che lavor alla NASA sfidando le difficolt di una stagione orientata alla discriminazione razziale e sessista.

Diretto da Theodore Melfi, diritto di contare trova spunto dal libro di Margot Lee Shetterly, Story of the African American Women who helped win the Space Race che nella sceneggiatura di Allison Schroeder, e dello stesso Melfi, assume contorni pi morbidi avvalendosi dell delle protagoniste per far pendere la bilancia del racconto pi verso il lato della che quello del

Katherine, Mary e Dorothy sono tre brillanti ragazze di colore che nella Virginia segregazionista degli anni hanno l di lavorare alla NASA, ognuna impegnata in un programma scientifico propedeutico alla realizzazione del primo volo nello Spazio. Quando il Direttore, Al Harrison, si rende conto di aver bisogno di una matematica per il calcolo di orbite e traiettorie la scelta, tra la diffidenza di molti, cade su Katherine. Il suo entusiasmo dovr fare i conti con l della maggior parte dei suoi colleghi, cos come la tenacia di Mary e Dorothy nell nel loro campo sar messa a dura prova da un retaggio culturale a loro ancora fortemente avverso.

Brave le interpreti femminili con la principale, Taraji P. Henson ( a suo agio nel ruolo e Octavia Spencer ( che strappa una nomination agli Oscar, rimasta poi tale, come miglior attrice non protagonista.

Non delude Kevin Costner ( Harrison coinvolgono le musiche affidate al trio atipico composto da Pharrell Williams, Benjamin Wallfisch e il grande Hans Zimmer, affascina l e patinata fotografia di Mandy Walker che esalta il lavoro scenografico di Stephanie Carroll e i bei costumi di Renee Ehrlich Kalfus.